E’ arrivata l’ora di tinteggiare sopra la muffa (Ne sei davvero sicuro?)

La voglia di chiudere il capitolo “inverno” dato che è stato probabilmente uno dei peggiori inverni per quanto riguarda le muffe, è enorme.

Ce ne rendiamo conto dal momento che 8 clienti su 10 hanno dichiarato ai nostri esperti che le intense piogge e il freddo dell’inverno hanno causato crescite di muffe eccezionali.

Nelle abitazioni di chi già ne soffriva, ma riteneva la muffa non fosse poi così preoccupante – la muffa è sempre un pericolo anche se c’è un solo angolino contaminato! – ha portato alla formazione di muffe che si sono estese lungo tutto il profilo tra parete e soffitto o hanno addirittura riempito porzioni di pareti, soprattutto dietro mobili e armadi.

Nelle abitazioni di recente costruzione che non dovevano di certo venire infestate dalle muffe, la sorpresa di averla trovata sugli angoli delle stanze, lungo i battiscopa o dietro un armadio nuovo, ha senza dubbio preso alla sprovvista lasciando increduolo il proprietario di casa.

Lo sappiamo molto bene noi di Atum, non è evento isolato e neppure poco frequente, purtroppo.

 

Ecco quindi arrivato per te il momento di agire in modo “definitivo” dato che l’inverno è oramai alle spalle:
sigillare quelle muffe nemiche sotto pitture che vorresti non le facessero tornare è la cosa che più desideri fare.

Se questo è stato il primo inverno in cui ti sei trovato ad avere muffe che sono letteralmente esplose nelle stanze, sappi che una causa c’è.

Sicuramente il clima piuttosto rigido e le abbondanti piogge giocano un ruolo fondamentale, ed è per questo motivo che, adesso, la scelta di cosa stendere sulle pareti delle stanze dove è cresciuta muffa deve essere da te valutata con estrema attenzione.

Se ti trovi in una di queste condizioni:

  • sulle pareti che danno all’esterno è cresciuta muffa
  • le finestre e le portefinestre hanno fatto acqua di condensa sui vetri e sugli infissi
  • il pavimento presentava condensa in alcuni punti soprattutto sugli angoli
  • armadi o mobili sono stati intaccati dalle muffe che sono cresciute dietro sulla schiena (forse sono cresciute anche all’interno)

è importante allora che fai un passo indietro e aspetti prima di acquistare una pittura.

Applicare il prodotto sbagliato avrà come conseguenza il fornire alle muffe nuovi nutrienti e creare le condizioni ideali perchè crescano.

Lo faranno piano piano, invisibilmente durante la primavera-estate, e poi esploderanno non appena arriva l’inverno, rovinandoti nuovamente la vita.

Cosa è necessario che tu sappia sulle pitture che ti verranno proposte, sia che tu vada in negozio, sia che un artigiano imbianchino venga a casa tua.

PITTURA LAVABILE-SUPERLAVABILE

Uno dei suggerimenti forse più diffuso e purtroppo meno adatto avendo tu muffa che è cresciuta in casa, è l’utilizzo di una pittura lavabile-superlavabile.

Il primo motivo è perchè creano dei film, una sorta di scudo all’umidità e all’acqua.
Loro scopo è:

  1. impedire all’umidità di penetrare
  2. permettere alla superficie di risultare facilmente pulibile.

Purtroppo il materiale che crea questo effetto filmogeno è resina, che le muffe utilizzeranno per nutrirsi, digerendolo per mezzo di sostanze che loro producono  – si chiamano enzimi – che letteralmente disgregano le resine, assieme all’azione di acidi, sempre prodotti dalle muffe.

Inoltre, non permettendo il passaggio dei liquidi, la sanificazione profonda finalizzata a distruggerne le radici sotto lo strato di pittura verrà ostacolata o addiruttura impedita.

Questo scudo creato dalla pittura lavabile o superlavabile, rende la superficie non in grado di assorbire l’umidità, che rimane sulla superficie e fornisce alle muffe acqua sottoforma di microgoccioline, permettendole di crescere in maniera smisurata in tempi rapidissimi.

PITTURA ANTIMUFFA

Il mercato è pieno di pitture antimuffa.

Dalle più economiche di bassa qualità, a quelle più costose che dovrebbero fornire garanzie enormi e che promettono l’eliminazione delle muffe per anni.

Applicate su pareti con muffa e che hanno sofferto di muffa per mesi, anni o addirittura per decenni, portano ad un solo risultato:
coprire quelle muffe creando un ostacolo fisico e non uccidendole, e molto spesso dopo pochi mesi ritornano – potrebbe esserti già successo.

Inoltre non permettono nessuna eliminazione delle spore delle muffe e, quindi, nessuna interruzione della vitalità delle muffe.

Sotto le 2 mani di pittura applicate la muffa cresce, si espande, colonizza tutta la superficie sottostante, ma tu non te ne accorgi.

Fino al giorno in cui decidi di agire di “forza” sulla muffa cartavetrando o rimuovendo quella parte di pittura scrostata e scoppiata, e ti rendi conto che sotto è tutto nero.

Forse l’odore di muffa lo percepivi nonostante la nuova pittura antimuffa applicata – forse veniva percepito da un membro della tua famiglia che per qualche periodo è stato ritenuto talmente ossessionato dalle muffe da sentirne l’odore sempre e comunque.

In realtà aveva ragione!

Ti hanno suggerito al momento dell’acquisto un prodotto che di risolutivo, in buona parte delle situazioni, non ha nulla.

Anzi è in grado di rinforzare le muffe anzichè ucciderle, nonostante ti sia costato una cifra di certo importante – senza dimenticare che le sostanze chimiche che contiene sono tossiche e irritanti anche nel lungo periodo.

PITTURA TERMICA

E’ una delle proposte “risolutive” che sta prendendo sempre più piede.

In certi punti delle pareti accade, per motivi strutturali, che il calore interno viene facilmente disperso verso l’esterno per una incapacità dei materiali lì presenti di trattenerlo, di “respingerlo”.

Il risultato è che la parete si raffredda molto velocemente e permette al vapore acqueo presente nell’aria della stanza di condensare quando entra in contatto con quella superficie.

Le pareti che confinano con l’esterno dell’abitazione possono essere:

  • non isolate termicamente
  • poco isolate termicamente
  • non correttamente isolate termicamente

Evitare questo fenomeno è certamente importante e la pittura termica ti può aiutare.

Ma esiste un però: se viene applicata sopra delle muffe vive e vitali, il risultato non sarà quello che stai cercando, la delusione sarà enorme.

E’ questione di tempo:
superata la barriera fisica della pittura o trovata una debolezza anche minima dell’effetto termico… le muffe scoppieranno senza pietà.

Non ci soffermiamo molto sulle caratteristiche “tecnologiche” di queste pitture dato che l’intento ora non è questo.

Ma vogliamo portare alla tua attenzione un aspetto:
le sfere di vetro e le sfere di vetro cave sono un sistema e una tecnologia sorpassata, poco efficace e per nulla efficiente.

Dalle verifiche che abbiamo eseguito, stendere 2-3 mani di quelle pitture non apporta il vantaggio che ti aspetteresti se hai muffa che è cresciuta.

Forse 9-10 mani potrebbero dare un risultato!

Rimane inteso che la muffa che non è stata completamente uccisa vive sotto di esse, si riproduce, rilascia le molecole tossiche, irritanti, nocive per la salute soprattutto dei bambini e delle persone più deboli, in modo continuo.

Agire correttamente contro le muffe significa disporre di quegli strumenti che ti permettono di DISTRUGGERE:

  1. le muffe superficiali
  2. le loro spore tossiche – i semi delle muffe
  3. le loro radici – le ife

presenti su tutte le superfici all’interno della stanza dove cresce muffa, e non importa che questa sia poca o tanta.

SANIFICARE TUTTA LA STANZA IN MODO APPROPRIATO

La sanificazione delle stanze se non la esegui in modo completo trattando tutte le superfici murarire e non della stanza contaminata da muffa, non ti garantisce di aver abbattuto completamente la carica fungina viva e vitale.

Applicare una corretta pittura, dopo la sanificazione profonda che distrugge le radici e le spore delle muffe è azione certamente consigliabile.

Ma non è matematico che quella debba essere una pittura antimuffa.

Ciò di cui puoi avere bisogno è un prodotto funzionale specifico che ti permette di agire in modo continuativo e “automatico” contro le muffe, creando un ambiente inadatto alla loro sopravvivenza.

Così sei in grado di raggiungere un livello di protezione e di prevenzione elevatissimo contro le muffe.

La lotta integrata alla muffa è un sistema nato e sviluppato per evitare che prodotti inadatti a uccidere le muffe continuino a farti penare e mettere a rischio la salute dei tuoi figli.

Lo fa senza tossicità, evitandoti di utilizzare prodotti contenenti principi chimici aggressivi, pericolosi, corrosivi e dal puzzo insopportabile che, ugualmente, risultati non ne danno.

Proteggere le pareti in modo continuativo, con la sicurezza di non liberare nelle stanze e nella cameretta del bimbo sostanze volatili dannose per la sua salute è il completamento del corretto agire contro le muffe.

La lotta integrata alla muffa eseguita dai prodotti Atum ti affianca nell’agire correttamente contro le muffe, avendo a cuore la tua salute e quella di tuo figlio, ma non avendo pietà nei confronti delle muffe.

COSA PUOI FARE CONTRO LE MUFFE, ADESSO?

Contatta un esperto Atum, compila il questionario di analisi della tua situazione di muffa

riceverai informazioni e dettagli operativi su come affrontare correttamente le muffe nella tua abitazione, senza impegno e in modo completamente gratutito.

Conoscere come agire ti permette di distruggere in modo corretto le muffe, altrimenti continueranno ad essere il nemico insopportabile contro il quale non sai più che cosa inventarti!

Leave a Comment:

All fields with “*” are required

Leave a Comment:

All fields with “*” are required

Privacy Policy