Ti sei mai chiesto COME e QUANTO la muffa in casa può provocare DANNI alla tua salute e (ancor di più) a quella dei tuoi figli?

Oggi voglio parlarti di un problema (conseguente alla presenza di muffa in casa) che mi sta particolarmente a cuore: i DANNI – spesso seri e troppo spesso sottovalutati – che provoca alla salute dei BAMBINI.

Te ne parlo perché oggi mi è arrivata una richiesta di aiuto da parte di una mamma che mi ha davvero spezzato il cuore: mi ha chiesto disperata di aiutarla perché suo figlio continuava a stare male per colpa della muffa che respirava ovunque in casa.

Mi implorava di aiutarla in fretta, la sua era una preoccupazione toccante, carica sia di urgenza di risolvere la sua terribile situazione, sia della disperazione per l’impotenza che provoca una casa che fa ammalare il proprio adorato figlio.

Lo devo ammettere – ci sono stato male per tutto il giorno. Mi sentivo molto vicino a lei e alla sua pena, perché anche a me è toccato di essere in balia di questi patemi.

Infatti, come forse già saprai, questo è ESATTAMENTE il motivo per cui ho iniziato a studiare molto seriamente l’argomento: è stato proprio per salvaguardare la salute della mia piccolina che ho messo a punto la strategia ATUM.

La mia splendida Emma – infatti – soffriva in continuazione di iper produzioni di muco, di bronchiti e di otiti.

Sintomi che non si potevano spiegare come normali  “malanni di stagione” (visto che duravano anche PIU’ di una sola stagione!).

QUESTO – mi ha spinto a creare un antimuffa che fosse sostanzialmente un SANIFICANTE:

un prodotto che NON facesse con i suoi effetti ancora più male alla salute della muffa stessa e che – elemento FONDAMENTALE dell’equazione – eliminasse immediatamente dai muri e dall’ambiente anche le spore, ovvero i semi che se ne vanno in giro trasportati dall’aria per finire direttamente nei tuoi bronchi e/o polmoni.

Se il tuo sistema immunitario è abbastanza forte probabilmente non manifesterai sintomi gravi nell’immediato, ma CERTAMENTE  i maledetti funghi creeranno danni certi al sistema immunitario ancora debole e non strutturato di tuo figlio.

Ricordo quando io ho iniziato la mia battaglia contro l’orrida muffa che ammorbava la cameretta di mia figlia.

Provavo di tutto ma NESSUN prodotto funzionava definitivamente.

E io dovevo liberarmene, a tutti i costi. Soprattutto perché – nel frattempo – avevo cercato su internet quali potessero essere i pericoli nell’avere la muffa in casa.

Nei siti italiani si trovava ben poco. Nulla al di là di banalità e sentenze date senza motivazioni scientifiche.

“La muffa causa allergie, nevralgie, irritazione, ecc.” – Tutti i siti che vendevano antimuffa riportavano queste informazioni.

Ma perché, come, in che modo???” – continuavo a chiedermi spazientito.

Le risposte, alla fine, le ho trovate: Ricerche condotte nelle università statunitensi sono state ILLUMINANTI.

Ho scoperto, ad esempio, che i “semi” delle muffe, le spore, posso resistere per diversi mesi anche in condizioni disperate.

Questa loro caratteristica, unitamente alla capacità di farsi trasportare dall’aria, fa sì che possano saturare velocemente l’aria che si respira.

Quindi… se le spore si trovano nell’aria che respira Emma questo significa che poi finiscono dentro ai suoi bronchi!” – questo pensiero mi martellava in testa e mi catapultava al limite del panico.

Ho scoperto anche che le maledette spore possono sopravvivere settimane o addirittura mesi all’interno dell’apparato respiratorio.

Da qui, arrivano a scatenare reazioni nell’organismo via via più serie, sino ad arrivare al rischio di allergia.

“Ti rendi conto?” – Ero terrorizzato.

Stavo male alla sola idea visto cheAllergia alla Muffa significa non riuscire a frequentare più alcun locale che ne sia contagiato.

Niente palestre, niente scuole, niente cinema, niente chiese.

Praticamente vuol dire rinunciare a vivere una vita normale, quella stessa che di solito viene data per scontata.

Per questo ho ancora ben chiare in mente le arrabbiature e il profondo senso di frustrazione… la mia domanda continua e costante era: “PERCHÉ non riesco ad eliminare la maledetta muffa?”

Ero convinto che quei prodotti così potenti (tanto da essere TOSSICI) avrebbero avuto senz’altro la meglio sulle orribili chiazze verdastre!

Ma purtroppo non era per niente così.

Ecco perché ho deciso di scoprire tutto sulle muffe: per trovare LA soluzione definitiva.

Le muffe tornavano immancabilmente, non importava quanto aggressivo fosse il prodotto che stavo utilizzando.

Che fosse ipoclorito, oppure a base di sali quaternari, o avesse una elevata percentuale di acido fosforico (ebbene sì: c’è anche acido in quei prodotti!), in ogni caso TUTTI i prodotti che usavo erano accomunati da una costante: Non Sanificavano la mia casa dalle maledette muffe.

E la piccola Emma stava continuamente male.      

Nessun medico sapeva chiarirmi la causa, ma io ipotizzavo che c’entrassero le muffe.

 

Ma la muffa fa veramente così male?

Purtroppo da tutte le ricerche scientifiche quello che si deduce è che la risposta è sì.

Ed è SÌ, doppiamente, per i bambini.

La muffa è un microrganismo che fa parte della categoria di quelli potenzialmente tossici

Esistono numerosissime tipologie di muffe, che in realtà fanno parte della famiglia dei funghi.

Quelle che ti interessa conoscere in questo momento sono le muffe dei muri e delle pareti di casa, che nascondono potenzialità tossiche molto gravi.

Le maledette hanno la capacità di colonizzare praticamente qualsiasi materiale:

  • moquette

  • carta

  • legno

  • plastiche porose

  • siliconi e colle

  • tessuti

  • pellame

  • e potrei andare avanti all’infinito!

L’elemento fondamentale per la loro facile crescita è la presenza di ambienti umidi, di nutrimenti e di una temperatura adeguata.

Gli spazi interni di casa tua sono il luogo ideale in cui sedimentare, perché vi possono trovare condizioni ideali in cui riprodursi!

E lo fanno inizialmente in modo invisibile, ma poi, quando già la situazione è grave, diventa manifesto: compariranno allora le famose schifosissime macchie nero-verdastre

Ora voglio svelarti qual è la potenzialità tossica delle muffe, in particolar modo di quelle che riempiono gli ambienti interni chiusi (nei quali si trovano ad elevate concentrazioni).

Come i batteri, anche le muffe sono in grado di produrre e rilasciare degli enzimi che sono funzionali per ricavare nutrimento.

Gli enzimi sono specifiche proteine con capacità di avviare reazioni biochimiche che riescono a modificare le sostanze con le quali entrano in contatto.

Questa attività ha come come diretta conseguenza la produzione di nuove molecole (metaboliti secondari) che possono diventare tossiche, anche se fino a prima non lo erano.

Facciamo un esempio:

il silicone del box doccia annerito dalle muffe

Sai per quale motivo riescono a crescere sopra (ma in realtà partendo dall’interno) ad un materiale sintetico come quello?

  1. per via delle condizioni di umidità e temperatura ideali che si creano nella doccia e nel bagno e

  2. per questa loro enorme capacità di scomporre (digerire) il silicone tramite gli enzimi e dal quale ricavano sostanze nutritive (gli elementi chimici).

Qual’è la conseguenza?

Purtroppo sarà la liberazione di sostanze che si depositeranno e che si libereranno nell’aria (sostanze chimiche volatili che altrimenti non sarebbero liberate), e che potranno causarti allergie o arrossamenti.

Inoltre le muffe si compongono di proteine e tossine che vengono liberate (e con le quali entri in contatto) e che aggiunte agli altri agenti allergizzanti come acari della polvere e batteri, fanno un miscuglio esplosivo capace di causarti infezioni e irritazioni.

Le muffe tossiche sono la causa di quella che viene definita “malattia da muffe tossiche” e che in modo gergale viene chiamata anche “sindrome da abitazione malata”.

Quali sono le malattie più ricorrenti causate dall’esposizione alle muffe in casa?

Numerosi sono i test e gli studi condotti da università, studiosi e centri di ricerca il cui fine è quello di correlare la causa di varie malattie (insorgenza di irritazioni, allergie, ricadute di influenze, infiammazioni, asma) all’esposizione alle muffe.

E’ assai frequente che portino alla comparsa di disturbi quali: problemi respiratori, mal di testa e cefalee, altri sintomi fisici soprattutto nelle persone che sono esposte a lungo alle infestazioni.

Il mondo scientifico conferma che la presenza di muffe in casa diventa una causa CERTA di danni alla tua salute!

Enti e istituti americani rinomati avvalorano la presenza di una significativa correlazione tra ambienti con fenomeni di condensa / presenza di ammuffimenti sui muri e la comparsa di determinate malattie.

Si tratta nello specifico di:

  • problemi alle vie respiratorie superiori

  • tosse

  • respiro affannoso

  • asma

  • sinusiti acute o croniche

Vivere in una casa che presenta queste problematiche porta allo sviluppo dell’asma anche in chi non ne aveva mai sofferto prima, oltre all’intensificarsi di altri problemi all’apparato respiratorio (soprattutto nei bambini).

Sono le muffe le principali indagate per i casi di problemi di salute persistenti e per le recidive dei tuoi figli!

Uno degli effetti negativi dell’attività delle muffe, dei loro metaboliti e delle spore riguarda la compromissione del sistema immunitario.

Questo infatti viene stimolato a reagire contro queste molecole estranee all’organismo, scatenando così allergie e polmoniti.

Inoltre sono la causa di infezioni alla pelle e di irritazione a cute e occhi.

Ecco perché è fondamentale SANIFICARE.

Cosa vuol dire sanificare? Molto semplicemente vuol dire sterminare la parti visibili e quelle NON visibili delle muffe – comprese le loro spore. Vuol dire fare in modo che NON ci sia la possibilità di farle riprodurre e quindi di continuare a farle proliferare.

COME puoi farlo?

SOLO ed esclusivamente con Atum: l’unica strategia antimuffa in grado di penetrare le microporosità dei muri e di annientare i maledetti funghi verdastri grazie alla potenza della LOTTA INTEGRATA ALLA MUFFA.

Ovvero: il solo modo ecologico (NON NOCIVO) che ti garantisce di sbarazzarti della tossicità della tua casa al 100%!

Questo è il passo FONDAMENTALE da fare prima di qualsiasi altro intervento: dipingere casa tua con una pittura antimuffa o termica prima di una corretta sanificazione NON ti metterà al riparo dal ritorno della maledetta. Dalla sua continua proliferazione. Dal suo vagare nell’aria per finire direttamente nei polmoni di chi la respira.

Allora muoviti in fretta: Non aspettare che la salute di tuo figlio o la tua vengano compromessi irrimediabilmente.

Scegli Atum e la tua casa tornerà ad essere sana, salubre e confortevole… proprio come ogni casa dovrebbe essere!

Saluti e alla prossima

Denis

 

 

 

 

 

Leave a Comment:

All fields with “*” are required

Leave a Comment:

All fields with “*” are required

Privacy Policy