Scopri i 2 ERRORI più grandi (e più diffusi) in cui puoi cadere quando decidi di sbarazzarti una buona volta della muffa

Stamattina sono passato in carrozzeria perché ho dei problemi con la macchina.

Per la precisione si tratta di problemi di ruggine: mi si è creata una orripilante chiazza marrone nella parte inferiore della portiera dalla parte del passeggero.

Ovviamente non se ne parla: bisogna che elimini assolutamente e il più in fretta possibile quella crosta terribile dalla mia auto. Di certo non posso andare in giro con quella roba in bella mostra.

Così ho preso appuntamento con Giorgio, il mio carrozziere di fiducia – “Quanto mi verrà a costare?” – gli ho chiesto. Sapevo che mi aspettavano dolori.

E infatti è arrivata la mazzata. Ma, si sa, per togliere una piccola chiazza di ruggine bisogna intervenire RAPIDAMENTE (in modo che non si espanda oltre) e con diversi interventi specifici: trapano, carta vetrata, spray antiruggine, vernice…

“Di certo – mi dice Giorgio con orrore – non ci si può limitare solo a ricoprire la chiazza con altra vernice: non servirebbe proprio a niente, la ruggine intaccherebbe altre parti e l’aspetto della tua macchina sarebbe a dir poco RIDICOLO!”

L’intera faccenda mi ha lasciato di stucco: ho cominciato a riflettere sulle incredibili affinità che c’erano tra quello che mi stava succedendo in quel momento con l’auto e quello che mi era successo anni fa, quando tentavo INUTILMENTE di sbarazzarmi della maledetta muffa che ammorbava casa mia.

      I 2 errori più grandi che potevo commettere con la ruggine adesso sarebbero stati:

  1.  mettere una pezza SOLO sulla chiazza di ruggine con altra vernice
  2. aspettare ancora un po’, tanto non c’è fretta! (“Ma quando mai – sottolinea Giorgio – più aspetti e più si espanderà sul resto dell’auto”)

Proprio come nel mio primo tentativo nell’eliminare le perfide macchie verdastre: mettere una pezza sbiancando con la candeggina…dopo aver aspettato e aspettatmagiao.

È proprio vero: il pensiero magico (“Dai che la muffa se ne andrà da sola se solo terrò la finestra abbastanza aperta!”) può anestetizzare anche le menti più brillanti.

D’accordo: SO che tu oramai molto probabilmente sarai avanti anni luce rispetto a questa condizione: di certo starai usando prodotti più efficaci e raffinati per rimuovere le orribili infestazioni.

SO che non sei così sprovveduto, ma voglio lo stesso farti meditare su un aspetto su cui di solito non ci si sofferma a riflettere, rispetto ai soliti antimuffa:

 si tratta del principio per cui NON funziona l’intervento se si agisce SOLO sulla parte ricoperta dalla chiazza.

Anzi, ti dirò di più, per la muffa questo concetto “vale il doppio”: perché gli orridi funghi prolificano a tutto andare.

Sai cosa significa?

Semplicemente che se la ricopri con un prodotto o con una pittura “antimuffa” – magari concentrando la tua azione solo su quella porzione di parete nero-verdastra, ALLORA la tua vita è finita.

Non avrai più quelle giornate libere e spensierate, tipiche di chi ha in pugno la propria vita.

Ti sarai immerso, invece, nel TUNNEL della “lotta continua, costante e SENZA SUCCESSO contro la muffa”.

Interi fine settimana a provare questo o quel trattamento, mentre gli amici se ne vanno alle terme o a pranzare in splendidi posti.
addio-muffa

Guardali, sono belli spaparanzati, seduti con un bicchiere di vino in una mano e la forchetta nell’altra, felici di prodigarsi in amabili chiacchiere tra una portata e l’altra.

E tu? Tu sei a casa, con i guanti, la mascherina sulla faccia, lo spruzzino antimuffa in mano, pronto per sferrare l’ennesimo attacco atomico sui muri di casa tua.

Pronto a dover arieggiare, pulire, stramaledire quell’orrida piaga che è l’avere la muffa in casa…”Ma perché proprio a me?” – ti starai chiedendo amareggiato.

 

Avanti, NON ti scoraggiare: ci sono io. Sarò per te il Giorgio della tua situazione, quello che ti spiegherà COME agire efficacemente. Evitando di buttare i tuoi soldi e il tuo tempo.

Innanzitutto la parte più importante: come capire se un prodotto NON funzionerà:

  • è adatto a TUTTE le situazioni di muffa?
  • si presenta in formato RIDOTTO?
  • viene consigliato l’uso SOLO sulla parte infetta?

 

Ecco, questi sono già 3 elementi che te la dovrebbero dire lunga.

  1. la muffa è causata da diversi fattori – prima di agire è importante che tu sappia qual è il motivo scatenante della tua condizione
  2. devi trattare l’INTERA parete, è necessaria una grande quantità di prodotto
  3. non puoi limitarti a coprire la piccola macchia verdastra: i malefici funghi sono dentro i tuoi muri e non solo sulla superficie, che proliferano alla grande anche se effettivamente non riesci a vederli.

 

Altro punto fondamentale: LE PITTURE.

Di fatto funzionano meglio dei prodotti a base di cloro, ma c’è un particolare sconcertante che ti nascondono:

TUTTE le vernici che ti vengono proposte in successione per scopi diversi nel lungo iter della lotta alla muffa – SONO LO STESSO IDENTICO PRODOTTO.

Solo che danno a ognuna un nome e un prezzo diverso…e voilà, il gioco è fatto. In realtà, ci tengo a ribadirlo, tu stai a tutti gli effetti usando più volte la stessa indistinguibile vernice.

Ma non solo: sia la pittura antimuffa che quella termica-isolante NON possono REALMENTE uccidere la muffa – si limitano semplicemente a coprirla. Ma lei è lì, pronta a invadere tutta casa, grazie alla sua capacità di intrufolarsi nelle microporosità dei tuoi muri.

antimuffa

 

Lo so, lo so: ti sto dando delle notizie SCONVOLGENTI.

Ma è davvero così, e se ci pensi è anche una faccenda molto logica: quando ci si imbatte in un’infestazione è necessario innanzitutto sbarazzarsi dei batteri che stanno attaccando. Occorre un antibatterico. OCCORRE SANIFICARE.

Così arriviamo ai prodotti a base di sali quaternari di ammonio.

Quelli sì, sanificano.

Ottengono buoni risultati sulle muffe. Ma NON sulle spore, sui semi della muffa.

Ti stai chiedendo cosa significa? Sì, è proprio quello che stai pensando e che stai cercando di respingere con terrore dalla tua coscienza: quei maledetti semi attecchiranno e la situazione ritornerà come prima. Le macchie sono lì, pronte a tornare a colorarti le pareti di casa.

Questo significa una sola cosa: che questi non sono prodotti che sanificano CORRETTAMENTE.

Non sono abbastanza potenti e incisivi.

 

Ed è così che ti conduco alla scoperta dell’UNICO prodotto che funziona esattamente come dovrebbe: ATUM.

L’unico che sanifica e neutralizza anche le spore. L’unico che ti viene offerto in grandi quantità perché il lavoro fa fatto in grande. Ma con la consapevolezza che lo farai una volta e poi…

Poi ti aspetteranno le scampagnate, le domeniche in famiglia o con gli amici, le mangiate, le passeggiate – insomma, ti attenderanno proprio quelle giornate libere e spensierate, tipiche di chi ha in pugno la propria vita.

Con Atum puoi!

 

Saluti e alla prossima

Denis

 

Leave a Comment:

All fields with “*” are required

Leave a Comment:

All fields with “*” are required

Privacy Policy