Come agire sulla muffa perchè non ritorni

E’ la prima volta che entri in questa pagina… hai la muffa in casa da troppo tempo e nulla ti ha permesso di evitare che tornasse?

Allora questa lettura è la più utile che puoi aver fatto fino ad oggi.

Pertanto leggi fino alla fine, ti svelo come gli antimuffa e le pitture antimuffa non uccidono la muffa, ma la nascondono solamente.

Attenzione:
non troverai il prodotto antimuffa che ti risolve il problema in un minuto nè il nome di una pittura antimuffa che ti promette 3, 4, 5 anni di garanzia…

… per scoprire (con delusione e molta rabbia) che lo stesso inverno la muffa è tornata a crescere e la macchia è anche più estesa di quanto era prima.

Non esiste una scorciatoia quando si tratta di muffa e non ci sono metodi veloci ed economici per smettere di vederla crescere.

E’ necessario eseguire un’analisi scientifica, valutare attentamente la situazione ed elaborare un piano preciso di azione.

Se il tuo obiettivo è:
… capire perchè la muffa resiste a qualsiasi trattamento antimuffa chimico per…
… agire con l’obiettivo di smettere di avere il problema che causa la muffa e, quindi…
… tornare ad avere un’abitazione salubre, evitare di buttare via mobili e abiti ammuffiti…
… e proteggere la salute dei figli e la tua… 

… allora qui trovi le informazioni che stai cercando.

E’ necessario agire utilizzando un lievito “buono” (che è un fungo proprio come lo è la muffa) in grado di contrastare il fungo “cattivo” della muffa.

Devono essere raggiunte le ife – le radici – nelle microporosità dei materiali e devono essere distrutte le spore che si depositano su tutte le superfici della stanza.

L’antimuffa chimico al cloro o alla candeggina agisce sulla muffa sbiancandola, ma non può andare in profondità dal momento che la sua azione biocida si annulla proprio sulla superficie delle muffe.

Quel prodotto nasconde la muffa, non la elimina.

 

COME RISOLVERE IL PROBLEMA MUFFA GRAZIE ALL’AZIONE DEL FUNGO “BUONO” – UN LIEVITO

Mi chiamo Denis Rosmi e da più di 6 anni sono impegnato nella lotta contro le muffe.

Questo perché io, come tantissime altre persone – tra cui probabilmente anche tu – avevo il problema in casa.

Crescevano solo in due stanze, ma una di queste era la cameretta della mia bimba.

L’aria in quelle camere era pesante con il caratteristico odore di “sottobosco”, ma io non ci davo molta importanza, a differenza di quanto faceva mia moglie.

Solo dopo mi sarei reso conto di quale grave errore avevo commesso!

Mia moglie continuava a ripetermi che bisognava fare qualcosa URGENTEMENTE.

Io rimandavo perchè non mi rendevo conto della pericolosità delle muffe e neppure sapevo nulla sui gravi effetti sulla salute che possono causare.

Ero ignaro di come le muffe stessero già agendo in modo invisibile e subdolo a danno della salute di mia figlia.

Infatti, la prima cosa che ho fatto è stato usare gli antimuffa che vengono venduti a chiunque e che mi erano stati presentati come “specifici e risolutivi”.

In effetti i muri si sbiancavano velocemente – per cui sembrava proprio che potessi stare tranquillo.

Ma dopo una settimana la muffa tornava.

Per quale motivo la muffa che era stata uccisa dal prodotto chimico…

… dopo soli 4-5 giorni era comparsa nuovamente con macchie che si mostravano anche più grandi delle precedenti?

Ho scoperto poi - e tra poco ti dirò in che modo - che tutti gli antimuffa e la candeggina possono solo sbiancare le muffe!

Poi mi sono state proposte le pitture che dovevano essere efficaci e garantite per anni (e che mi sono costate piuttosto care).

E sono arrivato alla fine a ricevere indicazioni di eseguire interventi strutturali in casa:
costruire contropareti e cappottini interni.

Per mia fortuna ho deciso di tenermi in tasca le migliaia di euro che mi sarebbero costati quei lavori dato che se li avessi fatti, il risultato sarebbe stato quello di scoprire quanto in realtà sono inefficaci (e mi sarei sentito preso in giro e arrabbiato).

NESSUNO mi aveva aiutato realmente a risolvere la situazione e purtroppo le muffe erano arrivate a causare conseguenze gravi sulla salute di mia figlia.

Tanto da costringerci a rivolgerci al pronto soccorso per una crisi respiratoria che mai avremmo voluto la colpisse.

Hanno difatti deciso di ricoverarla senza perdere tempo.

Aveva solo 6 mesi, non poteva parlare per dirci cosa stesse provando, cosa la facesse piangere senza sosta e stare così male.

Eravamo terrorizzati.

I medici erano arrivati a ipotizzare una malattia autoimmune.

Hai presente cosa significa sentirti dire che il corpicino di tua figlia stava aggredendo se stesso e sapere che nessuna medicina e nessun medico poteva interrompere una malattia che l’avrebbe segnata per la vita e le avrebbe causato danni irreparabili?

E’ stato in quel momento che mi sono detto che dovevo cominciare a occuparmi SERIAMENTE del problema.

Studiando e analizzando il mondo delle muffe.

Muffe

In pratica ho riunito centri di ricerca italiani ed europei con il fine comune di RISOLVERE il problema della muffa.

Analizzare scientificamente il problema per eliminarlo alla radice.

Vuoi sapere come è andata a finire? Ora te lo descrivo.

 

Un sistema atossico contro la muffa – costato anni di ricerca

Grazie allo studio dettagliato delle muffe con l’affiancamento di tecnici e laboratori anche universitari e alle ricerche concentrate esclusivamente sulle muffe, ho creato un sistema d’azione capace di arrivare in profondità dove gli antimuffa non riescono ad arrivare.

E ci riesce perchè basato sull’azione di un fungo “buono” – un lievito – che aggredisce il fungo cattivo della muffa e che è privo di pericoli per chi lo usa e per chi vive in casa.

Ma, ti devo confessare, non è stato un percorso semplice. Per niente.

Abbiamo provato strade diverse e nessuna di queste sembrava quella giusta.

Come molte delle intuizioni geniali che capitano, mi è venuta l’illuminazione:
se un solo prodotto non riusciva nell’impresa, probabilmente era perchè non disponeva della forza di efficacia necessaria per contrastare tutto quanto compone le muffe.

Il fungo cresce sempre da sotto il terreno grazie alle radici che alimentano il tallo...
... essendo la muffa un fungo, si comporta alla stessa maniera pertanto è lì che bisogna riuscire ad agire!

Eureka! – Adesso sì che ci siamo!!!

È così che dopo quella prima fase fallimentare –  in cui sembrava che dovessimo rinunciare – abbiamo messo a punto l’unico sistema capace di eliminare le muffe da tutte le superfici porose, arrivando nelle microporosità dei materiali per distruggere le radici e distruggere le spore presenti ovunque.

E come riesce a farlo?” – ti starai chiedendo.

E’ importante tu sappia che tutti i prodotti antimuffa in commercio a base di cloro, di candeggina e ai sali quaternari concludono la loro azione sulla superficie delle muffe.

Loro nascondono le muffe ancora vive, non le eliminano.

Gli obbiettivi che, invece, ti devi prefissare e che è necessario raggiungi sono:

  • una condizione di zero contaminazione nelle stanze
  • l’eliminazione delle radici delle muffe
  • la distruzione delle spore che si depositano ovunque e in modo ripetuto ogni 30-60 minuti

E devono garantirti che i prodotti che ti vendono:

  • siano privi di effetto aggressivo sui materiali e sulla pelle
  • siano privi di effetto corrosivo
  • siano assenti sostanze chimiche acide o basiche (alcaline) che rovinano materiali e tessuti

Il fungo “buono” che combatte il fungo “cattivo” della muffa, senza esporre tuo figlio nè la tua famiglia a rischi di qualsiasi tipo!

Scopri subito come fare per liberarti della muffa da casa tua.

Compila il questionario preliminare, il nostro miglior esperto valuta la tua problematica e ti indica come è necessario tu agisca.

Compila il questionario preliminare Il nostro miglior esperto valuta la tua problematica gratuitamente
Privacy Policy