Muffa dopo aver coibentato casa o cambiato gli infissi: come agire correttamente?

Aver fatto interventi murali nella tua abitazione può aver portato a conseguenze inaspettate.
 
All’isolamento esterno servito per coibentare, è seguita una comparsa di muffa che fino a prima non c’era.
 
Dopo un lavoro di ampliamento dell’abitazione sono iniziate a comparire muffe nelle stanze della parte pre-esistente.
 
Installati nuovi infissi a risparmio energetico le muffe crescono senza sosta peggio che in una grotta.
 
Come affrontare correttamente quelle muffe e arrivare a distruggerle?
 
Come agire lì dove il prodotto antimuffa non ti permette di risolvere il problema e lei si ripresenta più aggressiva che mai?
 
La realtà è che l’antimuffa la toglie per un po’ perchè la sbianca, agisce sulla sua superficie.
 
La certezza che puoi avere è che si è venuta a creare una condizione idelae e fino a prima non presente o, quantomeno, che era sotto controllo.
 
E’ certamente presente un’eccessiva umidità interna.
 
Lo dimostra l’acqua che si forma sui vetri o sul pavimento.
 
Quella stessa umidità è presente anche sulle pareti, ma non la vedi.
 
Viene assorbita e continuamente nutre le muffe e le sue spore: le fa crescere inesorabilmente.
 
È stato perso quell’equilibrio che fino a prima manteneva la tua abitazione sana e senza muffa.
 
E la muffa ne ha subito approfittato, colonizzando una piccola zona prima, per poi riempire di sue spore l’aria della stanza.
 
Le spore si sono depositate e sono penetrate sugli altri materiali e hanno cominciato a dar vita a nuove muffe.
 
Sui muri stanno “camminando” e si stanno allargando.
 

Il ristabilire nuovamente quell'equilibrio inizia dalla sanificazione completa di tutte le superfici della stanza, muri, mobili, infissi, profili... tutto.

 
E’ impensabile agire per risolvere i problemi strutturali delle pareti senza aver prima creato la condizione di assenza di muffe vive e vitali, avendo distrutto anche le sue componenti invisibili depositate e penetrate nei materiali.
 
E’ estremamente scorretto e inadatto agire solo preoccupandosi delle macchie visibili sui muri.
 
E’ necesario creare questa condizione di assenza pressochè toatle di muffe.
 
E va fatto ora, agendo in modo corretto e in autonomia, evitando di utilizzare prodotti tossici che limitano la tua libertà di vivere la casa, ma facendo in modo di bloccare e impedire la crescita e l’espansione delle muffe.
 
Metterti in contatto con un esperto che ti descrive come agire correttamente e quale migliore azione puoi oggi fare per difendere la salute della tua famiglia, dei tuoi figli è l’azione importante di questa tua giornata.
 
 

Leave a Comment:

All fields with “*” are required

Leave a Comment:

All fields with “*” are required

Privacy Policy