Sbiancare candeggiare le muffe non significa ucciderle

E’ purtroppo ancora diffusa la convinzione di aver ucciso la muffa valutando il grado di sbiancamento della macchia sulla parete.

Puntini e macchie nere che prima c’erano…

…e che qualche (tossica) spruzzata di prodotto chimico candeggiava e sbiancava, ti facevano pensare che tutto fosse risolto.

La realtà dei fatti è ben diversa: dopo poco tempo si sono ripresentate… più aggressive di prima.

La muffa torna continuamente e dopo diversi tentativi senza risultato in te prevale la rassegnazione.

“Proviamo ad usare ancora candeggina, stavolta mettendone di più, altrimenti chiamerò un imbianchino”

Il prodotto alla varechina sbianca la muffa, non la uccide.

Perchè non la uccide?

In primo luogo perchè cresce su una superficie estremamente porosa e trova protezione nelle microporosità della pittura.

La candeggina è un prodotto chimico molto forte (ossida e corrode i materiali) con capacità sanificanti riconosciute in ambiente medico e industriale.

La utilizzano infatti sulle superfici molto lisce (acciaio, ceramiche…) di quegli ambienti, ma che vengono pulite e sanificate tutti i giorni (cliniche, industrie, ospedali, etc.).

E’ sulle superfici molto porose esposte a forte umidità per molti mesi all’anno che l’antimuffa alla varechina non ha nessuna capacità di azione.

La muffa sulla parete viene candeggiata in superficie, ma rimane viva dentro le microporosità – e si rinforza.

L’ipoclorito di sodio reagisce con la parte che tu vedi delle muffe – e in parte anche con la polvere e sporco – ma non arriva a intaccare in modo distruttivo le ife.

La colonia di muffa resta viva e trova nutrimento ulteriore nei residui inerti dello stesso prodotto chimico che doveva distruggerle…

… e nell’umidità che esso apportata. 

In secondo luogo perchè il tempo di contatto tra antimuffa al cloro e colonia di muffa è troppo breve.

Quel composto asciuga in tempi brevissimi quando invece necessita di almeno 10 minuti allo stato liquido per avere azione su superfici porose con colonie di muffa.

Significa che dovresti tenere il muro bagnato – gocciolante – in modo continuo per 10 minuti.

Puoi decidere di sbiancare le macchie di muffa ma in NESSUN MODO avere la certezza di averle uccise continuando ad esporre il tuo bambino alla loro tossicità.

Oppure puoi decidere di raggiungere e distruggere tutto quanto di visibile e invisibile costituisce le muffe, ovunque nella stanza, sanificando tutte le superfici.

Il tuo obiettivo adesso è ucciderle così da ottenere una condizione di zero contaminazione nella stanza e smettere di sentirne l’odore.

odore di sottobosco = muffa viva e vitale

La tua abitazione deve tornare ad essere sana e vivibile, accogliente e piacevole.

Basta raccogliere informazioni che non fanno che crearti confusione, ognuna delle quali smentisce  la precedente senza chiarirti nessun dubbio.

Devi agire!

Questo è il momento di passare all’azione…

… proprio ora che hai scoperto il limite dell’agire solo superficiale di quella categoria di prodotti… degli antimuffa che ti hanno venduto e nulla hanno fatto.

Lascia nel passato le incertezze e l’agire per tentativi.

Colpisci in profondità confidando nelle indicazioni di esperti nelle muffe dall’ampia esperienza in interventi di sanificazione e che ti supportano via telefono 7 giorni su 7.

RICORDA:
il fatto che un prodotto chimico riesca a sbiancare in pochi secondi è un bel risultato estetico…

… ma il tuo obiettivo è di dar avvio ad un’azione di uccisione delle muffe e di protezione delle pareti.

Sarebbe bello ottenere un vero risultato immediato avendo speso pochissimi soldi (in candeggina).

La realtà è ben diversa, in tutto questo c’è molto che stona.

E la muffa torna perchè l’effetto miracoloso e “ad un prezzo basso” è una bella invenzione della pubblicità.

Lo stai verificando purtroppo in casa tua.

Teniamo molto di più alla tua salute e a quella dei più piccoli. Ecco perchè non diamo soddisfazione ai tuoi occhi che vogliono vedere le macchie sparire dal muro, e invece ti aiutiamo a raggiungere i risultati che cerchi.
Per sapere come vanno trattate le muffe Compila il questionario di analisi della muffa

Leave a Comment:

All fields with “*” are required

Leave a Comment:

All fields with “*” are required

Privacy Policy