Hai un ospite a casa tua? ATTENZIONE! Non farlo dormire in una camera contaminata dalla muffa: ecco cosa potrebbe capitargli!

Siamo in pieno clima natalizio…è vero, oramai le Feste stanno finendo – e a questo proposito: ti auguro DAVVERO il meglio e gioie e felicità per questo 2017! 🙂 – ma siamo ancora in quel periodo di vacanze per cui potrebbe succederti di avere qualche parente o un amico ospite a casa tua.

A me è successo: da anni oramai ospito per le festività natalizie 2 cari amici (Marco e Valentina) che vengono dalla Sardegna.

E come ogni anno si ripropone sempre la stessa scenetta surreale: questi 2 pazzi scriteriati se ne vengono a Treviso a dicembre (e questo dicembre in particolare è stato nebbioso a più non posso!) esattamente come partono dalla Sardegna: senza maglioni caldi né sciarpe né guanti.

Insomma, dei masochisti.

La scena è talmente divertente che non posso fare a meno di prenderli in giro: partono dal loro paese, in cui regnano quei 22 gradi (non so se rendo l’idea!) e arrivano qui, in questi 0 gradi quando va bene senza nessun accessorio INDISPENSABILE per affrontare freddo e umidità.

Qual è la conseguenza? Semplice: non escono più da casa mia!!!

Si piazzano in salotto davanti alla stufa a pellet e stop. Non vogliono mai andare da nessuna parte: né a passeggiare né a visitare mostre o altro.

Ma, mi dico io, fate tutti quei chilometri per rinchiudervi a casa mia?

In realtà (ma non lo ammetterei mai con loro!) è una situazione che mi fa sorridere di piacere: fino a non molto tempo fa avrei avuto imbarazzo nell’ospitarli per via della muffa che imperversava di brutto sui muri di casa… ma quelli per fortuna sono tempi ormai lontani.

Sono finiti i tempi in cui mi vergognavo da morire a farli dormire nella “stanza della muffa”: avevo deciso infatti di lasciare come camera degli ospiti quella che era davvero molto contaminata dalle malefiche muffe.

Di certo non volevo farci dormire la mia piccola Emma, né volevo che fosse il mio studio (lavorare con i muri tappezzati di orridi funghi verdastri non mi faceva concentrare abbastanza!)

Così l’unica soluzione è stata farla diventare la camera per gli ospiti, quella che si usa raramente (e che quando non si utilizza rimane saldamente chiusa e NON visibile agli occhi altrui)

Purtroppo, però, durante le vacanze natalizie, come ti ho già detto, Marco e Valentina si ritrovavano a dormire proprio lì, in un mare di funghi verdastri e di spore galleggianti.

Non era davvero il massimo come ospitalità, non trovi?

E se è successo anche a te sai bene di cosa parlo: quando ti tocca aprire le porte di quelle stanze (quelle tappezzate di chiazze nero-verdastre) la vergogna è tanta.

Soprattutto perché è davvero difficile da digerire, il fatto di NON riuscire ad eliminare quelle macchie orribili. Di NON riuscire a sconfiggere un patetico minuscolo fungo.

Eppure questo NON è l’aspetto peggiore dell’intera faccenda (anche se a pensarci mi sale il sangue alla testa)

L’aspetto peggiore è che farli dormire in una stanza contaminata significa FARE DEL MALE e influire negativamente sulla loro salute.

Le spore che galleggiano nella stanza attaccano il loro e il tuo sistema immunitario e possono comprometterlo e danneggiarlo sensibilmente.

Frammenti di micelio e di ife vitali finiscono all’interno dei polmoni depositandosi (ed è proprio in questo modo che scatenano le reazioni allergiche).

Le maledette sono in grado di rilasciare molecole che inibiscono la risposta infiammatoria dell’organismo (che è una vera e propria arma difensiva di cui disponiamo) garantendosi la strada spianata per la colonizzazione.

Cosa significa?

Molto semplice – e molto terrificante: tutto ciò si traduce in muffe ancorate nei polmoni e ife che crescono indisturbate (sempre nei polmoni, un luogo ameno e calduccio che attira alla grande le spore!)

Quale peggior regalo di Natale da fare ad amici o parenti quello di farli dormire in un ambiente in cui vengono “invasi” di funghi vivi?

Non è terrificante pensare che nella loro gola, nei loro bronchi, nelle loro mucose si piazzano a vivere e a proliferare organismi viventi NON richiesti né voluti?

(Questa idea mi ha sempre fatto pensare ad Alien, hai presente? A pensarci rabbrividisco ancora.)

Ecco quello a cui vanno incontro anche i tuoi – di ospiti – se la tua casa è orrendamente tappezzata di macchie nerastre.

Vuoi continuare a correre il rischio di mettere in pericolo la tua salute, quella dei tuoi cari e quella dei tuoi ospiti lasciando che le perfide muffe prendano il sopravvento?

Credimi, non importa se le macchie sono poche: si espanderanno in poco tempo.

Non importa se continui già da un po’ a vedere solo qualche macchiolina (che pensi di poter eliminare, illuso!, con un tradizionale antimuffa) – perché in realtà stai vedendo solo una piccolissima percentuale di muffa: il resto è nascosto e al riparo nelle microfessurazioni dei muri… della serie: C’È ma NON si vede!

Non importa se credi che tanto…cosa vuoi che sia! Perché ogni 20-30 minuti la maledetta può raddoppiare in quantità e spargersi nell’aria e sui materiali della tua casa senza che tu possa fare NIENTE.

Se non Sanificare Davvero.

Come?

L’unica scelta possibile (perché l’unica che funziona davvero) è Atum:

è l’unico sistema integrato (ed ecologico e assolutamente NON pericoloso per la tua salute) che permette di eliminare anche le spore e anche le ife nascoste dentro le microfessurazioni (ripari e cunicoli NON raggiungibili dagli altri antimuffa)

Solo con Atum hai la garanzia di rimuovere anche quelle muffe che non stanno in superficie. Solo con Atum smetti di far viaggiare le malefiche spore tra le stanze e da lì nei tuoi bronchi.

 

Lo sapevi che i bambini, visto il loro sistema immunitario non ancora forte e stabile, sono tra quelli che più subiscono le conseguenze della presenza di muffe in casa?

 

Loro per primi manifestano sintomatologie a carico delle vie respiratorie e reazioni allergiche.

E so bene di cosa sto parlando perché la piccola Emma si è fatta 2 anni di muco incontrollato, tosse continua e otiti dolorose.

Il pediatra continuava a dire che si trattava di malanni stagionali, ma era incredibile come fossero sintomi terribilmente resistenti alle medicine. Ma non solo: continuavano a ripresentarsi, ancora e ancora.

Finché grazie alle mie ricerche e agli studi condotti in laboratorio non ho avuto la conferma scientifica (come a dire: la prova provata!) che di tutte quelle malattie la causa era…la maledetta muffa!!!

Allora non lasciare che i bronchi dei tuoi figli o dei tuoi ospiti vengano colonizzati dai funghi…non accettare passivamente questa “invasione aliena”

Dì anche tu STOP alla muffa in casa e alle terribili malattie che ne derivano: scegli Atum !

 

Saluti e alla prossima

Denis

 

 

Leave a Comment:

All fields with “*” are required

Leave a Comment:

All fields with “*” are required

Privacy Policy